logo ecologico Tours per le tue vacanze in bici ed a piedi

 

 

 

CAMMINARE, SCOPRIRE E GODERE IL PAESAGGIO UMBRO

 

Le nostre guide escursionistiche:

 

 

 

 

"Vivo nella pianura umbra ma da 20 anni la mia casa è l'Appennino. Dalla Valnerina ai Sibillini, dalla Laga alla Majella, insieme a chiunque voglia seguirmi lungo sentieri sconosciuti, per ritrovare il silenzio e scoprire luoghi magici, di creste e boschi, di torrenti e cascate. Vi aspetto...".

 

 

 

 

ESCURSIONI:

 

 

Prezzi:

Giornata

130,00 € (2-4 persone)

Ogni persona in più 10,00 € in più

Mezza giornata (3-4 ore)

90,00 €  (2-4 persone)

Ogni persona in più 5,00 € in più

 

 

 

IL MONTE DI ASSISI

Quest’itinerario nel Parco del Monte Subasio ti porta sui prati sommitali della montagna di Assisi, dove scopri rifugi di pastori, rovine medievali, costruzioni pre-romane, doline maestose, paesaggi alpini ed inghiottitoi.                                                         

Livello 2/3

moderato. Itinerario in paesaggio collinare - bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti (500m in salita in totale)

Lunghezza

durata 4 ore (escluse soste)

Ritorna su

 

 

LULTIMO VIAGGIO DI SAN FRANCESCO

Durante questa escursione ripercorri parte di un sentiero molto importante che ripete l’ultimo viaggio di San Francesco, quando, febbricitante, è stato riportato dai cavalieri di Satriano da Nocera ad Assisi, ove morire. Anche quest' escurzione passa per il Parco del Monte Subasio. Molto particolare è il Ponte Marchetto.

Livello 2/3

moderato. Itinerario in paesaggio collinare - bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti (500m in salita in totale)

Lunghezza

durata 6-7 ore (escluse soste)

Ritorna su

 

 

 

SUBASIO TRA FRANCESCANI E BENEDETTINI

Una bella passeggiata con belle viste durante cui visiti in modo inusuale l’eremo delle Carceri e, attraverso una passeggiata sui prati sopra il monte arrivi all’eremo di San Benedetto. 

Livello 2/3

moderato. Itinerario in paesaggio collinare - bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti (500m in salita in totale)

Lunghezza

durata 5 ore (escluse soste)

ritorna su

 

 

I COLLI DEL SAGRANTINO: 

Un bellissimo percorso attraverso le vigne di Montefalco, con visita ad una cantina passando per borghi murati e splendide chiese.

Livello 1 / 2

facile  Itinerario in paesaggio leggermente collinare Un passeggiata con poco dislivello.

Lunghezza

durata 3 ore (escluse soste)

Prezzo degustazione

10,00 p.p.

ritorna su

 

I MONTI SIBILLINI 

Alla scoperta di uno dei parchi più belli d’Italia, in un contesto ambientale meraviglioso tra inghiottitoi, pianori, borghi incantati e molti fiori.

Tempo: una giornata inclusa un’escursione di 4 ore (media).  

livello dipende dell'escursione uno vuole fare (da livello 2 a 3)
lunghezza dipende dell'escursione uno vuole fare  (mezza giornata oppure giornata intera)

ritorna su

 

 

SCHEGGINO - SPOLETO:

 

Il Castello di Scheggino è stato sempre un punto di riferimento nella valle ai tempi del Medioevo, poiché se ergeva a guardia degli accessi alla Valnerina. Nel 1522 è stato teatro di una battaglia storica e... singolare: nel 1522 subì un assedio memorabile da parte di Picozzo Brancaleoni, che però non riuscì ad espugnare il castello a causa della strenua difesa delle donne del paese. Questo evento viene ricordato ogni anno in estate con la 'Festa delle Donne'. Scheggino è anche, con Norcia, la patria del tartufo, che viene ancora cercato con metodi antichi.

 

 

 

 

L'itinerario si snoda attraverso boschi misti prima e castagni imponenti poi, in un percorso che sale ripidamente all'inizio per portarsi su un pianoro da cui si gode una vista splendida sulla media Valnerina e i suoi Massicci: Monte Coscerno, Monte Civitella, Monte Maggiore. Scendendo tra i castagneti, si prende poi il tracciato della ferrovia Spoleto-Norcia, costruito nello scorso secolo e abbandonato negli anni '60 e molto suggestivo grazie alla particolarità delle sue gallerie elicoidali. Il tracciato univa le città di Spoleto e Norcia, sfidando pendenze impossibile proprio grazie alle sue gallerie, di cui 'la Caprareccia' (lungo 2 km !) è il simbolo e costeggiando poi i fiumi Nera, Corno e Sordo. L'antico tracciato, in dolce pendenza e recentemente risistemato, ci porta infine a Spoleto, splendido Ducato Longobardo e città del famoso Festival dei Due Mondi.

 

Il percorso può essere effettuato anche all'inverso. In questo caso la salita è meno ripida, anche se più lunga. All'arrivo a Scheggino è possibile prenotare una degustazione di olio e prodotti tipici.

 

 

L'itinerario comprende:

  • Guida escursionistica qualificata durante tutto il percorso

 

Livello 2/3

moderato. Itinerario in paesaggio collinare - bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti (500m in salita in totale

Lunghezza

14 km, 6 ore

degustazione 15,00 € p.p. e 20,00 p.p. degustazione con tartufo estivo

 

IL SENTIERO DI PIO IX STORIA E NATURA

Itinerario molto suggestivo, di notevole interesse storico, naturalistico e paesaggistico. Segue in parte il famoso “sentiero di Pio IX”. Pio IX era Arcivescovo di Spoleto e futuro Papa; nel 1831, con l’avvicinarsi delle truppe ribelli a Spoleto, partì dalla città e, scavalcando le creste di spartiacque, arrivò in Valnerina a Ceselli da dove, a dorso di mulo, fu accompagnato nella città di Leonessa, che era parte del Regno delle Due Sicilie. Al ritirarsi delle truppe nemiche, pochi giorni dopo, fece ritorno a Spoleto per la stessa via.  

Il percorso parte presso il paese de Le Cese; con sentiero che in primavera è ammantato di ciclamini, si oltrepassa una bellissima cascata e si giunge al paese abbandonato di Sensati, vero e proprio balcone sulla Valnerina, a 800 m . di quota. Salendo fino ad affacciarsi sulla Valle Spoletana, il sentiero scende con tornanti poi al paese di Schioppo, circondato da olivi e di qui a Pontuglia, che conserva ancora un mulino per olio e grano (non più funzionante) e la bellissima vasca di raccolta dell’acqua sorgiva per farlo funzionare.  

 

 

      

 

L'itinerario comprende:

  • Guida escursionistica qualificata durante tutto il percorso

  • olio e prodotti tipici presso il mulino a Pontuglia (5,00 Euro p.p. extra per una degustazione con tartufo)

 

Livello 2/3

Moderato. Itinerario in paesaggio collinare – bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti ( 500m in salita in totale).  

Lunghezza

12 km / 6 ore

 

 

 

LE VIE DELL’OLIO D.O.P.: DA SPOLETO A PORETA

Itinerario piacevole e vario, adatto a tutti, che permette di scoprire angoli suggestivi della Valle Umbra. Il percorso parte dalla città di Spoleto, Ducato Longobardo, ricca di storia ed arte e patria del Festival dei Due Mondi che si tiene in estate ogni anno. Da qui, costeggiando le falde del Monteluco, luogo ove S. Francesco era solito ritrovarsi nella tranquillità della preghiera (oltre all’Eremo delle Carceri nei pressi di Assisi), attraversando un sacro bosco di lecci, si giunge ad Eggi, caratteristico castello di poggio, già circondato da ulivi.

 

Da qui in avanti gli ulivi non ci abbandoneranno più per tutto il percorso, che sale ai paesi di Bazzano inferiore prima e Bazzano Superiore poi e quindi scende al complesso di Santa Maria Reggiana (monastero e chiesa medievali).

Continuando ad attraversare oliveti argentati, l’itinerario si conclude a Poreta, antico borgo non distante dalla Via della Spina (importante strada che collegava l’Umbria alle Marche). Presso il Castello, magnifica costruzione affacciata sulla valle Spoletana, ci aspetta una visita all’edificio e una degustazione a base di olio (prodotto in loco e certificato D.O.P.), prodotti tipici e, per i palati più esigenti, tartufo estivo.

 

L’itinerario comprende:

  • Guida escursionistica qualificata durante tutto il percorso

  • Degustazione olio e prodotti tipici presso il Castello di Poreta (supplemento di 5,00 € se una deg. con tartufo)

 

Livello 2/3

Moderato. Itinerario in paesaggio collinare con dislivelli contenuti ( 300 m in salita in totale).  

Lunghezza

14 km - 5/6 ore

 

 

 

LUNGO LA FERROVIA SPOLETO – NORCIA (DA S.ANATOLIA DI NARCO A SPOLETO)

Questo percorso è uno dei più singolari della Valnerina; segue per circa 15 km . Il tracciato della vecchia ferrovia che collegava, nel secolo scorso, Spoleto a Norcia. La ferrovia, inaugurata nel 1926, era dotata di locomotrici elettriche e costituiva un piccolo capolavoro di ingegneria per le sue caratteristiche: infatti per il percorso abbastanza breve di 52 chilometri vennero costruite ben 19 gallerie, con quella di valico nei pressi di Caprareccia di quasi 2 chilometri , e 24 ponti e viadotti avveniristici e di grande pregio architettonico, con vari tratti di linea elicoidali per poter superare le pendenze delle montagne.

L’itinerario parte da S. Anatolia di Narco, caratteristico paese affacciato sul Nera, per proseguire in leggera salita lungo il tracciato della ferrovia fino all’ingresso della Caprareccia (che si può bypassare), usciti dalla quale ci si ritrova nella Valle Spoletana. Da qui si oltrepassa il ponte di Cortaccione e, in leggera e costante discesa, si giunge infine alla città di Spoleto, splendido Ducato Longobardo e città del famoso Festival dei Due Mondi.

 

L’itinerario comprende:

  • Guida escursionistica qualificata durante tutto il percorso

  • Pulmino per il rientro a S. Anatolia di Narco

 

 

Livello 1/2 o 2/3

Facile/Moderato. Itinerario in paesaggio collinare – bassa montagna con dislivelli abbastanza contenuti ( 500 m in salita in totale).  

Lunghezza

14 km - 5 ore